Crea sito

Per una critica del capitalismo. La via social-liberale di Ernesto Rossi

DIEGO LAZZARICH

 

Ernesto Rossi
1. Nel panorama intellettuale italiano, quella di Ernesto Rossi è senz’altro una figura molto importante, per senso critico, rigore e onestà intellettuale. Ricco di queste doti, egli non smise mai di interrogarsi e interrogare i nodi problematici del mondo che lo circondava con spigolosa serietà. Dal suo impegno giovanile come antifascista, al lavoro di saggista, fino all’attività più matura di editorialista, Rossi dimostrò sempre una coerenza e una libertà di pensiero non propriamente comuni in Italia. Ed è per questo motivo che non si può che esaminare con grande interesse la critica che Rossi svolse nel corso della sua vita nei confronti del capitalismo in generale e del capitalismo italiano in particolare. Un interesse dettato destato anche dal fatto che Rossi era un convinto liberale, nonché strenuo sostenitore dell’idea del libero mercato.
Oggi più che mai, pertanto, ha senso andare a vedere quale fu la critica di Rossi al capitalismo, che cosa pensò di dover criticare di un sistema economico in cui in larga parte si riconosceva. Oggi più che mai, si diceva, perché attualmente siamo in una fase storica complessa, in cui il collasso del modello politico ed economico comunista, nell’ultimo decennio degli anni Novanta del Novecento, ha lasciato nel mondo un unico grande sopravvissuto, il modello politico-economico liberal-capitalista1, il quale però, a distanza di vent’anni dalla sua ‘vittoria’ storica, ha iniziato a mostrare pesanti segni di collasso sia sul versante politico, con la crisi del modello rappresentativo, sia su quello economico, con le drammatiche crisi economico-finanziarie che hanno colpito l’Occidente a partire dal 2008.
Di fronte alla crisi degli ultimi anni del modello liberal-capitalistico, in molti ambienti intellettuali si assiste a una sorta di smarrimento della Sud e Nord nel Mondo capacità critica per mancanza di un modello teorico di riferimento. La caduta dalla galassia sovietica ha sicuramente depotenziato il carico ideale del modello critico marxista, così come, dall’altro lato, la crisi del sistema capitalistico, proprio nel momento storico di assenza di soggetti antagonisti, ha posto seri interrogativi sulle ricette formulate in questi anni dai teorici liberali. L’analisi del capitalismo di Ernesto Rossi, pertanto, può aiutarci a individuare una strada alternativa attraverso cui formulare una nuova critica del modello economico-politico attualmente egemone.
2. La prima riflessione organica che Rossi ha dedicato a questo tema …..

Clicca su ebook

Ernesto Rossi - Nord e sud

mauro nemesio rossi

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.